MAURO E GIULIO PARTONO PER RIO 2016!

La notizia ha iniziato a circolare ufficiosamente tra venerdì 15 e sabato 16 Luglio: Mauro Crenna, 25 anni e Giulio Dressino, 24, specialisti del kayak velocità parteciperanno alle Olimpiadi di Rio. Lunedì 18 la conferma. I ragazzi sono partiti per l’ultimo raduno preparatorio della Nazionale Domenica 17. Mauro Crenna, già oro in coppa del mondo a Racice, tesserato con il Circolo Sestese Canoa Kayak, è partito dalla frazione S. Anna di Sesto Calende, dove vive con la famiglia. Giulio Dressino, finalista di Mondiale ed Europeo, invece, ha raggiunto il ritiro nazionale dal gruppo sportivo delle Fiamme Gialle, in cui milita attualmente ma tesserato con il Csck fino al 2014. La sua famiglia abita a Mercallo dei Sassi. Il via alla partecipazione degli atleti varesini è scattata dopo l’esclusione per doping di Bielorussia e Romania, che ha rimesso in gioco Italia e Germania. In casa del Circolo Sestese Canoa Kayak, associazione storica in provincia di Varese con oltre quarant’anni di attività agonistica, c’è grande soddisfazione. Dice il presidente Marco Dalla Rosa: “Siamo felici per i nostri ragazzi, che abbiamo visto crescere e migliorare fin dai nove anni. Avevano già avuto negli ultimi anni belle soddisfazioni a livello internazionale ma un’Olimpiade è qualcosa di unico e, a volte, di irripetibile. Comunque vada è una grande esperienza che rimarrà per sempre con loro, ma anche in tutti noi, che sappiamo quanto l’abbiano meritata”. Molto soddisfatto anche il direttore tecnico Andrea Baglioni: “È sicuramente un evento unico nella storia dello sport sestese. È un momento costruito con tanto lavoro e passione nel tempo. I ragazzi non hanno mai smesso di allenarsi, nemmeno quando le porte dei ripescaggi si sono chiuse. Stanno bene e faranno la loro gara al meglio, senza remore”. Il delegato varesino di Federcanoa, Maurizio Lenuzza ha sottolineato la qualità di lavoro che la società canoistica sestese svolge da tanti anni: “Quello della Sestese canoa è un ambiente di crescita eccezionale sia per il ragazzo che per l’agonista. Un’ eccellenza del lavoro di volontariato sportivo puro, non retribuito, con una dozzina di tecnici federali qualificati e due coordinatori che hanno collaborato spesso con gli staff delle Nazionali di kayak, nelle specialità velocità e maratona. Senza contare l’impressionante lavoro organizzativo che sta alle loro spalle. Il tutto con mezzi economici modesti, con l’aiuto delle famiglie, di amici simpatizzanti. Adesso il Csck ha necessità di avere la nuova sede al più presto per poter garantire ai ragazzi spazi adeguati”. Mauro Crenna e Giulio Dressino saranno sul K4 Azzurro con Nicola Ripamonti e Alberto Ricchetti.18

Posted in News.